TAGLI TRASPORTI PUBBLICI, INTERVIENE BRIZIAREL

 PERUGIA – Non è con i tagli e i licenziamenti che si salvano i trasporti pubblici”. Lo dichiara il Senatore della Lega, Luca Briziarelli che esprime forte preoccupazione per quello che sta accadendo in Umbria e per le sorti di circa 350 lavoratori. Da quanto si apprende a mezzo stampa, il taglio del 10 per cento delle corse dei bus, sarebbe solo l’inizio di una drastica sforbiciata. “Addirittura si arriverebbe a decurtare anche i servizi minimi garantiti, come le corse scolastiche. Assolutamente inaccettabile – sottolinea Briziarelli -. In tempo di crisi bisogna investire e promuovere il trasporto pubblico per venire incontro a famiglie e lavoratori in difficoltà, ottimizzare sì ma non con tagli lineari. La ricetta non può essere mandare a casa i lavoratori, ma piuttostoì incentivare e promuovere l’uso dei mezzi pubblici”. (UMBRIA DOMANI)

RAEE, SEI NAZIONI A CONFRONTO

Questa mattina ho partecipato alla tavola rotonda Organizzata dal Consorzio Ecodom “RAEE: Sei nazioni a confronto” che ha visto la partecipazione dei responsabili dei principali Sistemi Collettivi di Regno Unito, Francia, Spagna, Portogallo, Olanda e Italia. Christian Brabant di ESR, Mark Burrows-Smith di REPIC, Andreu Vilà di ECOTIC, Pedro Nazareth, di ELECTRAO, Jan Vlak di WECYCLE e Giorgio Arienti di ECODOM.
Allargare lo sguardo all’Europa è fondamentale per individuare sistemi e soluzioni per l’ E-Waste sopratutto in vista del recepimento del pacchetto sull’economia circolare. Come Vice Presidente della Commissione bicamerale di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti mi è stato chiesto di approfondire il principale problema nel settore dei RAEE: i “flussi paralleli” analizzando l’entità, i danni ambientali che provocano e le possibili azioni da intraprendere per sradicarli. Solamente in Europa i soggetti che operano fuori dai Sistemi riconosciuti sottraggono al filiera formale dei RAEE circa sei milioni di tonnellate all’anno. Nel corso dell’incontro è stato anche pubblicato il Rapporto di Sostenibilità 2018, uno strumento fondamentale per capire dove siamo arrivati e cosa c’è ancora da fare.

PRONTO SOCCORSO DI CITTÀ DELLA PIEVE, A ROMA DAL SOTTOSEGRETARIO COLETTO PER TROVARE UNA SOLUZIONE

Questa mattina insieme a Fausto Risini e Fabio Roccella, Valerio Mancini e I rapprsnetenti del Comitato articolo 32 abbiano incontrato ufficialmente il Sottosegretario alla Salute Luca Coletto per sottoporgli la grave situazione verificatasi nell’area del Pievese e dell’alto orvietano a seguito della chiusura del Città della Pieve e per valutare le possibili soluzioni tecniche che possano garantirne la riapertura, anche alla luce delle deroghe previste dal DM 70 per le zone disagiate e i parametri di eccellenza fissati per l’emergenza-urgenza dai Livelli Essenziali di Assistenza a cui le Regioni devono uniformarsi.

PRONTO SOCCORSO DI CITTÀ DELLA PIEVE, A ROMA DAL SOTTOSEGRETARIO COLETTO PER TROVARE UNA SOLUZIONE

Questa mattina insieme a Fausto Risini e Fabio Roccella, Valerio Mancini e I rapprsnetenti del Comitato articolo 32 abbiano incontrato ufficialmente il Sottosegretario alla Salute Luca Coletto per sottoporgli la grave situazione verificatasi nell’area del Pievese e dell’alto orvietano a seguito della chiusura del Città della Pieve e per valutare le possibili soluzioni tecniche che possano garantirne la riapertura, anche alla luce delle deroghe previste dal DM 70 per le zone disagiate e i parametri di eccellenza fissati per l’emergenza-urgenza dai Livelli Essenziali di Assistenza a cui le Regioni devono uniformarsi.

IN COMMISSIONE ECOREATI AUDITA IL SINDACO RAGGI.ANALIZZATA LA SITUAZIONE RIFIUTI A ROMA E NEL LAZIO

In Commissione Bicamerale Ecoreati un’intera giornata dedicata alla situazione dei Rifiuti a Roma e nel Lazio con l’audizione di Prefetto di Roma, Arpa Lazio, Carabinieri forrestali, NOE, Guardia di Finanza, Commissario Straordinario per la discarica di Malagrotta, AMA spa e del il Sindaco di Roma Virginia Raggi! Alla prossima seduta gran finale con il Presidente della Regione Lazio, Nicola ZingarettI
Rifiuti di Roma, Raggi in Commissione Ecomafie:
Nonostante la situazione di cronica emergenza soprattutto per quanto riguarda l’indifferenziato, Raggi ha ribadito che Roma Capitale “è disponibile a valutare un supporto ad Ama” solamente “in investimenti per impianti per la valorizzazione di rifiuti da raccolta differenziata” e non per impianti di smaltimento. L’amministratore unico di Ama, Massimo Bagatti, dal canto suo ha confermato le difficoltà nella raccolta e nella gestione dei rifiuti della Capitale, che nel 2018 avrebbero subito anche un aumento del 2,5% nella produzione complessiva, in controtendenza rispetto agli anni precedenti.
Attualmente ogni anno “circa 1 milione di tonnellate di rifiuti escono dalla città metropolitana di Roma, diretti a impianti di trattamento o smaltimento in base alla tipologia di rifiuto” riferisce Maurizio Lupo, direttore generale di Arpa Lazio, anche lui sentito in Commissione. Citando i dati Ispra, Lupo ha spiegato che quasi l’80% dei rifiuti urbani del Lazio vengono prodotti nell’area della città metropolitana di Roma. Nel 2018 circa 300mila tonnellate di rifiuti indifferenziati dell’area sono stati trattati in altre province. Nei primi quattro mesi 2019, a seguito dell’incendio al Tmb Salario, ha proseguito Lupo, i rifiuti della città metropolitana di Roma hanno saturato una quota compresa tra il 40% e il 70% della capacità dei tre Tmb nelle province di Viterbo, Latina e Frosinone.

IL SENATO APPROVA LA PROPOSTA DI LEGGE DELLA LEGA PER DIFENDERE GLI ANZIANI DALLE TRUFFE

Il Senato ha approvato il Disegno di legge presentato della Lega che modifica l’articolo 643 del Codice Penale e introduce misure specifiche per tutelare gli anziani dalle truffe. La proposta prevede anche che per tale reato sia impossibile ricorrere alla sospensione condizionale della pena senza aver prima risarcito il danno subito dalla vittima. Un’altra promessa mantenuta.

L'immagine può contenere: schermo e spazio al chiuso
L'immagine può contenere: testo

DECRETO SICUREZZA BIS, VIA LIBERA DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Dalle parole ai fatti. Il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Sicurezza bis. A renderlo noto il Ministro dell’Interno Matteo Salvini: “Penso che il Consiglio dei Ministri abbia approvato un passo in avanti verso la sicurezza di questo Paese”. Con questo Decreto si inasprisce il contrasto all’immigrazione clandestina, con il via libera a multe per comandanti, armatori e proprietari di navi, si prevedono pene più severe per chi in piazza aggredisce le forze dell’ordine, “con mazze, caschi e fuochi artificiali” e si estendono le misure del Daspo anche a eventi sportivi diversi dal calcio.