ANNIVERSARIO STRAGE DI CAPACI E VIA D’AMELIO, “LOTTA ALLA MAFIA DEVE ESSERE IMPEGNO COLLETTIVO”

Due giorni per ricordare la strage di Capaci e via d’Amelio. Il 22 e il 23 maggio il Senatore della Lega, Luca Briziarelli ha partecipato alle iniziative che sono state organizzate per ricordare l’attentato a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Nella giornata del 22 in particolare si è svolta “Vele al vento” con la presenza del sottosegretario al Ministero dell’Interno Nicola Molteni e dell’Onorevole Gianni Tonelli. Tanti studenti e giovani allievi agenti della scuola di polizia di Vibo Valentia hanno portato in corteo le immagini dei giudici e dei poliziotti assassinati nelle stragi di Capaci e via d’Amelio che sono state poi affidate a 11 barche a vela che hanno percorso il Golfo.
“Sono passati 30 anni, nelle intenzioni di Cosa Nostra doveva essere un colpo al cuore dello Stato. Invece da quel 1992 – spiega il Senatore Briziarelli a margine dell’iniziative – la rabbia e lo sdegno presero il posto della paura e del silenzio portando nelle piazze decine di miglia di persone in Sicilia e in Italia e nulla fu più come prima. È stata una svolta fondamentale perché la lotta alla mafia non può essere semplicemente delegata alle forze dell’ordine e alla magistratura, ma deve essere un impegno individuale e collettivo come sta avvenendo in questi giorni con tantissime iniziative nei luoghi simbolo della lotta alla mafia che sono state promosse dalla Polizia di Stato in collaborazione con la Fondazione Giovanni Falcone e l’associazione Quarto Savona Quindici”. Altrettanto partecipata l’iniziativa del 23 maggio che ha visto la presenza di migliaia di persone all'”Albero Falcone”.