SIGNORELLI E PERUGINO, PROTOCOLLO PER I 500 ANNI DELLA MORTE: “FARE POLITICA È ANCHE QUESTO, GUARDARE AL FUTURO DELLE COMUNITÀ”

Si è tenuta a Città della Pieve la presentazione del protocollo d’intesa per la promozione territoriale in vista del cinquecentenario, nell’anno 2023, della morte di Luca Signorelli e del Perugino. All’evento presente anche il noto giornalista italiano Bruno Vespa. “Ho sempre pensato che ‘fare politica’ non significhi semplicente mettere in luce problemi, ma mettersi in gioco in prima persona per trovare soluzioni e realizzare idee e progetti capaci di valorizzare e far crescere territori e comunità.”
Queste le parole del Senatore della Lega Luca Briziarelli, intervenuto nel corso dell’incontro. “Era il 30 giugno – precisa – quando ho proposto a Dominga Cotarella, Francesca Caproni, Gionni Moscetti e Roberta Tardani di abbinare l’Arte alla bellissima manifestazione dedicata al Gusto che l’Amministrazione di Orvieto e il Gal Trasimeno Orvietano stavano organizzando. Ho anche proposto loro di varcare i confini di Orvieto e guardare non solo al Trasimeno, ma anche a Cortona da un lato e a Todi dall’altro guardando al doppio appuntamento che nel 2023 interesserà questo ampio territorio a cavallo tra Umbria e Marche, il 500° anniversario della morte di due Grandi del Rinascimento, Piero Vannucci, detto il Perugino e Luca Signorelli.”
“È così che, in appena due mesi, – aggiunge Briziarelli- da quell’idea ha preso vita il protocollo d’intesa che è stato presentato oggi e che coinvolgerà non solo il Gal e le Amministrazioni comunali, ma anche le Diocesi di Perugia e Città della Pieve, quella di Todi e Orvieto e quella di Cortona e Arezzo e soprattutto imprenditori ed operatori privati che hanno creduto in questo progetto ed hanno scelto di investire in prima persona per realizzarlo (ri)scoprendo rapporti e legami persi nel tempo: anche questo è fare politica, insieme, guardando al futuro delle comunità. Grazie a Fausto Risini, sindaco di Città della Pieve, Luciano Meoni, sindaco di Cortona, Roberta Tardani, sindaco di Orvieto e Antonino Ruggiano, sindaco di Todi per averci creduto!”
LEGGI ANCHE