“CICLO DELLE ACQUE, COMPLIMENTI AL NOE PER L’OPERAZIONE ‘WATERLOO'”

“Complimenti al Comandante del NOE generale Maurizio Ferla per la brillante operazione «Waterloo» con la quale è stata smantellata quella che viene definita come un’«associazione a delinquere in seno alla governance di Girgenti acque spa», gestore unico del servizio idrico integrato in provincia di Agrigento e già destinataria di certificazione interdittiva antimafia nel novembre del 2018.”
Così il Senatore della Lega Luca Briziarelli, in merito alla maxi inchiesta ‘Waterloo’.  “Le accuse sono pesanti, – prosegue Briziarelli – ma purtroppo ampiamente prevedibili dall’associazione a delinquere finalizzata alla commissione di delitti contro la pubblica amministrazione, frode in pubbliche forniture, furto, ricettazione, reati tributari, societari e in materia ambientale ed altro. Negli ultimi due anni, come Vicepresidente della Commissione Bicamerale Ecoreati, ho seguito nella veste di relatore l’inchiesta sul Ciclo delle acque reflue e della depurazione in Sicilia e, ora che l’indagine volge al termine, alla luce di quanto abbiamo avuto modo di constatare e di quanto sta emergendo in tutta la sua gravità, è possibile affermare che purtroppo in Sicilia operazioni come quella appena conclusa non sono una sorpresa e nemmeno un’eccezione, né nel settore dei rifiuti, né in quello del ciclo delle acque. La Sicilia – evidenzia Briziarelli – è una terra bellissima, ma l’incapacità, e spesso la complicità di quanti sono chiamati a compiere le scelte o a vigilare sulla correttezza dell’operato di soggetti pubblici e privati, condanna cittadini, famiglie ed imprese a convivere con una realtà inaccettabile, anche nel caso di un bene prezioso ed insostituibile come l’acqua, non solo in termini di costi elevatissimi a fronte di servizi spesso inesistenti, ma anche in termini di danni per l’ambiente e rischi per la salute dei cittadini. Nei prossimi mesi – rileva Briziarelli – la Commissione approverà la relazione finale dell’inchiesta: la volontà è quella di non limitarsi a fornire un quadro dettagliato ed a tratti desolante della situazione, ma anche quello di tracciare possibili soluzioni al problema per permettere ai siciliani di poter finalmente vivere una situazione di normalità al pari di chi vive in qualsiasi altra parte d’Italia”.