COVID-19, LA MODALITÀ DI CALCOLO DEL RISCHIO DI TRASMISSIONE PENALIZZA L’UMBRIA

Il Sole24 pone l’Umbria tra le regioni “sorvegliate speciali” a rischio ripresa del COVID-19 nella “Fase 2”  (LEGGI L’ARTICOLO)

Il dato, però, non tiene conto della realtà, ma del metodo di calcolo imposto dal Ministero della Salute che, paradossalmente, penalizza l’Umbria perché nella “Fase 1” la situazione, in termini di contagi e di gestione dell’emergenza, è stata ottima e ci ha permesso di essere già fuori dall’emergenza vera e propria. Per questo, ora, anche un piccolissimo scostamento crea una modifica significativa della curva.

Cosa che è spiegata molto bene in questo articolo di Fortunato Bianconi. LEGGI L’ARTICOLO 

LEGGI L’INTERVENTO DELL’ASSESSORE COLETTO 

LEGGI L’INTERVENTO DELLA PRESIDENTE TESEI